Cambodia, LIFE AMONG THE MINES by Leopoldo H. Santana

[in italiano più sotto]

Cambodia is a country located South East Asia, bordered by the Gulf of Thailand, between Thailand, Vietnam, and Laos.

After three decades of war, Cambodia faces the devastating issue of landmines, that are littered all over the country and especially in the rural areas.  The Cambodian Mine Action Centre (CMAC) estimates that there may be as many as  40,000 amputees in Cambodia.

The statistics are hard to comprehend, but the images of Leopold H. Santana , a photographer from Spain, show the harsh reality of the people in these statics

Yelena Posniak/ S4C New York

—————-
LIFE AMONG THE MINES

Text: Miguel Arnedo El-Mir (translation: Yelena Posniak)
Photos by: Leopoldo H. Santana

18 years ago, Srey Ny lost both of her legs, it was on the border of Cambodia, Thailand, west of the country. She had enlisted in the army to fight Khmer Rouge of Pol Pot, but then she stepped on a landmine on her way to eat in the  mountains.

Now, she is dedicated to begging with her baby in her arms for months on the  streets of Battambang, the city with the highest rate of amputees in the country. There is one for every ninety.

(click to see the complete gallery)

The Srey Ny is a story repeats often in Cambodia.  Along with Afghanistan and Angola, Cambodia is one of the nations affected by the problem of landmines worldwide.

“I feel trapped,” Srey Ny confesses, sitting on a small carpet which covers only part of the cracks in the floor of her house, a small shack without water, electricity, or toilet, located in a suburb of Battambang.  Srey Ny feels trapped because there is no way out of her situation.  Living in subhuman conditions with her three sons, a four year old, a one year old and a baby just a month.  The children are a result of the relationship she had with a partner, who knows nothing about them.

(click to see the complete gallery)

Srey Ny always liked the country life. In Kratié born and raised with her parents, who were farmers, and their three children.  That stage of her life, is just a memory she holds on to, when she was nine her parents died.   She left the village to settle in the border of Thailand.  From that moment on, she began a life where she moved from place to place constantly.  She lost track of her brothers and decided to enlist in the army at sixteen.

Four years later, she crossed  a mine on her way into the mountains of  Koh Kong, the mine pulled out one leg and tore apart  the other. Now she just seeks a way to feed her children. She worked  one year for Handicap International, a nongovernmental organization that provides training about mines in Cambodia. However, as she received no pay in return, she decided to leave this job.  “I would love to get another job,  but the truth is that it is impossible. ” and so she is forced to beg.

(click to see the complete gallery)

If you ask about tomorrow, Srey Ny is clear: her greatest desire is that children grow up enough to return to the field and good memories.
She wants to return to their homeland in the mountains. “Here in Battambang, I have nothing,” she recounts. “I want my children to work in the field and they could study and have future.”

Stories like that of Srey Ny are in the thousands in Cambodia.

In 1998, an Italian NGO, Emergency Hospital was created to support the victims of landmines and is completely free.  There are so many poor people in Cambodia, the  majority of the people of the  country  survive on less than a dollar a day. “Mines are the cruelest thing I’ve seen in my life,” says Anthony Rainone, the surgeon on the Emergency  team. “Many of the stories we know here are difficult to accept. ” “We do not ask questions about the  case, especially  if it is  of a child.”  “This child who exploded by a mine could have been playing with a kite or praying, and so we accept that this is something that exists. ”

When Antonio intervenes he says the most important thing is to forget that this is a man and just see it as  a mechanism to be “reorganized.” The first five are vital, because we must avoid infection. Those that stepped on a mine have to be amputated below the knee. But we also have shrapnel fragments that reach the chest, arms, and even eyes. Rainone recalls a girl, aged nine, who was operated on for three hours.  She  had  thirty impacts of shrapnel in her body. He had to treat them carefully and separately,  in the end, she lost an eye and several fingers. From his experience he concluded that any wound, however small, can contain a piece of metal or shoes that become, in his words, a “second missile.” “If you treat them well, you’re forced to practice a second amputation, “he says.

This is the ninth mission for Rainone.  He worked  in Sierra Leone, Senegal, Kenya and Afghanistan. “What surprises me is the ability of Cambodians to revitalize the loss of a members body”. “It’s amazing with the kids,” he says, “a week for  after an amputation and then you see a  smile again. ” For them, the important thing is to live and enjoy the opportunity to keep working and having children. In his view, the perspective is radically different to the vision of a Westerner. “Life in Cambodia is beyond an arm or leg, “he adds. Antonio says that a maimed can live a “pretty normal ” life with a prosthesis. This is a slow process.

Between 1968 and 1975, eastern Cambodia was systematically bombed by the U.S. and Vietnam with B-52s. The western part, which borders Thailand, was strewn with mines by the Khmer Rouge and the Army of Vietnam between 1979 and 1989, the year in which the Vietnamese left Cambodia.
The most optimistic estimates indicate that today there are between four and six million mines still active in Cambodia, with a population of ten million people.

However, the Partnership for Economic Cooperation and Development in Cambodia figures show that there are eleven million mines, which translates into more than one mine per capita. The task of the Centre for Demining in Cambodia (CMAC) is deactivated. Until 2000,  the UN funded this project through its Development Program, but  now the Cambodian government cares to clear the mines throughout the country, contributing up to twenty percent budget funds.

The remaining funding comes from United Nations and countries like USA, Japan, Germany or Spain.
In the last ten years the Center has cleared more than a million mines, the equivalent of 440 square kilometers. But the process is slow.

More then  2,400 people, mostly soldiers were demobilized after the civil war that ravaged the country, working day by day, inch by inch, to make the land more safe. It is  very dangerous job and requires the utmost discretion and caution. “We are very happy to do it, because we know that our work will help develop our country, “says Pring Panharith, Head of Unit 2 of CMAC.

A few years ago, for example, something as simple as traveling from Pailin to Battambang was a real ordeal. Almost no one crossed the 105 km road that separates the two populations, because the road was full of mines. The only alternative was a detour of 350 miles, crossing the border with Thailand to reach that point.

After two years of work, we  cleared the  CMAC.

“It will take many years for necessary technologies which are  based on  infrared and radar, to arrive to this  country ” he predicts. A report of the Jesuit Service Cambodia ensures that, at the current rate, it would take 100 years to get rid of the mines.. too long for a country that is bleeding…..

Leopoldo Hoyos Santana

[iframe http://www.s4c.it/slides/amongthemines 100% 800px]

—————————

LA VITA TRA LE MINE


Dopo tre decenni di guerra, la Cambogia si confronta ancora con il devastante problema delle mine antiuomo, ancora disseminate n tutto il Paese e soprattutto nelle zone rurali.

 

Il Mine Action Centre (CMAC) stima che ci possano essere fino a 40.000 amputati in Cambogia. Le statistiche sono difficili da comprendere, ma le immagini di Leopold H. Santana, fotografo spagnolo, mostrano la dura realtà delle persone in questi dati statistici…

 

Perché Shoot 4 Change parla di mine? E perché indugiare spesso in questa “estetica del dolore”? Perché un pugno nello stomaco, spesso, può servire a far riflettere. E può ricordare che proprio l’Italia produce mine…

 

E poi perché ci sono tanti volontari in giro per il mondo, e in questo caso in Cambogia, che intervengono a mettere pezze a colore nel disastro compiuto da altri.

 

E perché la vita continua. Sempre.

 

Anche tra le mine….

 

Antonio Amendola

 

—-

 


Testo: Miguel Arnedo El-Mir (traduzione: Antonio Amendola)
Foto di: Leopoldo H. Santana

 


18 anni fa, Srey Ny ha perso entrambe le gambe al confine tra la Cambogia e laThailandi.

 

Si era arruolata nell’esercito per combattere i Khmer Rossi di Pol Pot, per poi saltare su una mina mentre si recava a mangiare in montagna.


Ora è costretta a a chiedere l’elemosina con il suo bambino in braccio sulle strade di Battambang, la città con il più alto tasso di amputati nel paese. Ce n’è uno ogni novanta abitanti.

 

 

Quella di Ny Srey è una storia che si ripete spesso in Cambogia. Insieme con l’Afghanistan e l’Angola, è uno dei paesi più colpiti al mondo dal problema delle mine.

 

 

Mi sento in trappola”, confessa Srey Ny, seduta su un piccolo tappeto che copre solo una parte delle fessure del pavimento di casa sua, una piccola baracca senza acqua, elettricità o servizi igienici, situata in un quartiere periferico di Battambang.

 

Srey Ny si sente in trappola perché non c’è via d’uscita dalla sua situazione. Vive in condizioni disumane con i suoi tre figli, uno di quattro anni, una di un anno e un bambino di appena un mese. Sono il frutto del rapporto che aveva con un partner, che non sa nulla su di loro.


A Srey Ny è sempre piaciuta la vita di campagna (è nata e cresciuta a  Kratie con i suoi genitori, contadini, ei loro tre figli). Quella fase della sua vita  è solo un ricordo ormai…. I suoi genitori sono morti quando lei aveva 9 anni ed ha lasciato il paese per stabilirsi nel confine della Thailandia.

 

Da quel momento in poi, ha iniziato una vita in cui si è trasferita da un luogo all’altro in continuazione. Ha perso le tracce dei suoi fratelli e ha deciso di arruolarsi nell’esercito a sedici anni.


Quattro anni dopo, ha calpestato una mina lungo una strada nelle montagne di Koh Kong, La mina le ha amputate entrambe le gambe.

 

Ora  cerca solo un modo per nutrire i suoi figli.

 

Ha lavorato un anno per Handicap International, un’organizzazione non governativa che si occupa di formazione ed informazione sulle mine in Cambogia. Tuttavia, non ha ricevuto mai alcuna retribuzione ed ha deciso di lasciare il lavoro.

 

(clicca per la galleria)


Se le chiedete del domani, Srey Ny è chiara: il suo più grande desiderio è che i bambini crescano abbastanza per tornare in campagna  ed abbiano dei bei ricordi.


Vuole tornare nel suo paese  in montagna. “Qui a Battambang, non ho niente», racconta. “Voglio che i miei figli possano studiare e avere futuro“.


Storie come quella di Srey Ny sono migliaia in Cambogia.


Nel 1998, una ONG italiana, Emergency Hospital è stata creata per sostenere le vittime delle mine antiuomo ed è completamente gratuita per chi ne ha bisogno.

 

Ci sono tanti poveri in Cambogia, la maggioranza della popolazione del paese vive con meno di un dollaro al giorno.

 

Le mine sono la cosa più crudele che abbia visto in vita mia“, dice Antonio Rainone, il chirurgo della squadra d’emergenza. “Molte delle storie che vediamo qui sono difficili da accettare.

Non ci poniamo  domande sui singoli casi, soprattutto se si tratta di un bambino. Avrebbe potuto giocare con un aquilone o stare pregando. Accettiamo il fatto che può capitare…che il problema esiste….


Antonio dice la cosa più importante è dimenticare che si ha a che fare con un essere umano e trattarlo come un meccanismo che deve essere “aggiustato”.

 

Questa è la nona missione per Rainone. Ha lavorato in Sierra Leone, Senegal, Kenya e in Afghanistan.

 

Quello che mi sorprende è la capacità di cambogiani di ritornare ad apprezzare la vita anche dopo la perdita di una parte importante del loro corpo“. “E ‘incredibile soprattutto con i bambini,” dice, “già una settimana dopo  l’amputazione riacquistano il sorriso.

 

Per loro, l’importante è vivere e godere della possibilità di continuare a lavorare e avere figli.

 

A suo avviso, la prospettiva è radicalmente diversa alla visione di un occidentale. “La vita in Cambogia è al di là di un braccio o una gamba”, aggiunge. Antonio dice che un menomato può vivere una vita “abbastanza normale” con una protesi. Ma è un processo lento.

 

(clicca per la galleria)


Tra il 1968 e il 1975, la Cambogia orientale è stata sistematicamente bombardata dagli Stati Uniti e Vietnam, con i B-52s. La parte occidentale, che confina con la Thailandia, è stata disseminata di mine da parte dei Khmer rossi e l’esercito vietnamita tra il 1979 e il 1989, anno in cui i vietnamiti abbandonarono la Cambogia.


Le stime più ottimistiche indicano che ci sono oggi tra i quattro e i sei milioni di mine ancora attive in Cambogia, con una popolazione di dieci milioni di abitanti.


Tuttavia, il “Partenariato per la cooperazione economica e lo sviluppo in Cambogia” offre cifre che dimostrano che ci sono undici milioni di mine, il che si traduce in più di una mina per abitante.

 

Il compito del Centro per lo sminamento in Cambogia (CMAC) è disattivarle.

 

Fino al 2000, le Nazioni Unite hanno finanziato questo progetto attraverso il proprio  programma di sviluppo, ed oggi il Governo cambogiano si preoccupa di eliminarle da  tutto il paese, contribuendo fino al venti per cento con fondi di bilancio.


Il resto del finanziamento proviene dalla Nazioni Unite, e paesi come USA, Giappone, Germania o Spagna.


Negli ultimi dieci anni il Centro ha disinnescato più di un milione di mine, l’equivalente di 440 chilometri quadrati. Ma il processo è ancora  lento.


Più di 2.400 persone, per lo più soldati sono stati mobilitati dopo la guerra civile che ha devastato il paese, lavorando giorno per giorno, centimetro dopo centimetro, per rendere il terreno più sicuro.

E ‘ un lavoro molto pericoloso che richiede la massima attenzione e cautela. “Siamo molto felici di farlo, perché sappiamo che il nostro lavoro contribuirà a sviluppare il nostro paese“, dice Pring Panharith, Capo dell’Unità 2 del CMAC.


Qualche anno fa, per esempio, una cosa semplice come viaggiare da Pailin a Battambang è stata un vero e proprio calvario. Quasi nessuno aveva mai attraversato i 105 km di strada che separa i due paesi, perché la strada era piena di mine. L’unica alternativa era una deviazione di 350 km, attraversando il confine con la Thailandia per raggiungere quel punto.

Ci vorranno molti anni per avere anche qui le tecnologie necessarie, che sono basate su raggi infrarossi e radar.

Un rapporto dei Gesuiti in Cambogia calcola che, al ritmo attuale, ci vorrebbero 100 anni per sbarazzarsi di tutte le mine

..troppo per un Paese che sta sanguinando …


Leopoldo Hoyos Santana

If you enjoyed this post, please consider leaving a comment or subscribing to the RSS feed to have future articles delivered to your feed reader.
Share

2 Responses to “Cambodia, LIFE AMONG THE MINES by Leopoldo H. Santana”

  1. pepe 25/05/2013 at 8:06 AM #

    Such a tragedy; If I’m right, those landmines planted during war some forty yrs ago are still killing or maining people of SE Asia.
    I just posted on forum, google ‘Sicko Uncle sam’to read more.

  2. David Roberts 15/04/2014 at 5:47 PM #

    Hi

    Please could I use the first one of these, for educational purposes? It would be used once a year in a powerpoint presentation to about 60 students. There is no commercial gain involved at all.

    You can check my credentials at Loughborough University, and write to me there (d.roberts@lboro.ac.uk).

    Thanks for reading

    Dr. David Roberts
    http://www.popularpeace.org

Add Comment Register



Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>